www.storci.com - homepage
Italiano english english Russian Storci.com - We know pasta
domenica 4 giugno 2017

 

Storci e pasta cANOSSA insieme per una pasta d.o.c.

LEGGI L'INTERVISTA A OTTAVIO DI CANOSSA
 

STORCI & PASTA CUNIOLA

 

Tre domande ad Ottavio di Canossa (in alto nell'immagine a sinistra, assieme al padre Alvise e in basso a sinistra), che nella tenuta Cuniola, appartenente alla storica famiglia dagli inizi del 1900, ha realizzato un Pastificio che produce solo pasta di alta qualità, col marchio Pasta di Canossa, gestendone l'intero ciclo produttivo, dal seme al prodotto finito.
Storci ha fatto del Pastificio il suo centro di formazione permanente, lo Storci Pasta Center - Training and Research. Non stiamo parlando di un semplice laboratorio interno, ma di un vero pastificio equipaggiato con linee Storci ed in grado di operare a pieno potenziale. Con il tranining center, l’Area Ricerca e Sviluppo, da sempre uno dei centri principali dell'attività di Storci, entra in una nuova dimensione. Per noi si tratta dell’opportunità di testare e sviluppare nuove macchine e prodotti in un contesto reale. Ci sono poi ulteriori vantaggi per il cliente che ci sceglie come partner. Sia la formazione, con un periodo di training che si svolgerà sulle stesse macchine che poi verranno utilizzate nel proprio pastificio, sia la produzione di pasta con le materie prime scelte dal cliente e i test di nuove ricette e prodotti.

 

cuniolaOttavio, quali sono le caratteristiche della vostra pasta?

Innanzitutto, la prima caratteristica è l’utilizzo del semolato e non della semola: questa è la distinzione fondamentale tra noi e i nostri concorrenti sul mercato.
Tre anni fa, assieme a mio padre, abbiamo deciso di cercare una pasta che “sapesse di pasta”. Può sembrare un paradosso, ma questo dipendeva dal nostro gusto personale, in quanto, le semole oggi in commercio, ci sembravano troppo raffinate, anonime e toglievano alla pasta quel sapore autentico che cercavamo.
Per questo motivo, dando seguito ad alcune sperimentazioni, abbiamo portato un po’ del nostro grano ad un mulino vicino alla nostra tenuta e sono state fatte alcune lavorazioni, tra cui anche quella del semolato, che è una lavorazione semi-integrale del grano duro e ha un maggiore quantitativo di fibra.
Nel risultato finale, infatti, la nostra pasta ha il 4% di fibre, quella diciamo standard ha invece l’1,5/1,7%  di fibre e quella integrale invece il 13/14% .
La maggior quantità di fibra, il mix di grani che utilizziamo  e in generale le nostre sperimentazioni ci hanno portato infine ad un risultato che ci dava piena soddisfazione, sia per il sapore che per il profumo.

Cosa vi ha spinto a scegliere Storci?
Storci ci ha proposto un progetto che va oltre la banale fornitura di un impianto per la produzione della pasta: ci ha presentato un pacchetto che prevede anche uno sviluppo commerciale e non solo tecnologico dei nostri prodotti, il tutto sempre con una costante attenzione e supporto alla nostra produzione.
Questo rispondeva completamente alle nostre esigenze, in quanto noi non cercavamo solo una linea di qualità superiore (e questa informazione ci era stata confermata dalle nostre ricerche), ma volevamo un partner solido, con un’esperienza comprovata e pluriennale e che volesse investire in ricerca, sviluppo e nuove produzioni.

storciStorci ha fatto del vostro pastificio il suo centro di formazione permanente. Che cosa vuol dire per voi ospitare lo “Storci Pasta Center”?
Per noi significa avere a disposizione una società che noi reputiamo di alto livello nel mondo delle linee per la produzione di pasta; significa ottenere un maggior prestigio dal fatto che questa azienda abbia fatto nel nostro pastificio formazione, ricerca, sviluppo. Vuol dire apprendere sempre cose nuove, sperimentare ed essere sempre in prima linea nelle nuove produzioni, cosi come nelle novità che riguardano le materie prime e i prodotti. Per noi questo è un ottimo biglietto da visita, ci fa molto piacere e ci inorgoglisce il fatto che un’azienda come Storci abbia scelto noi per un progetto cosi importante e ricco di significato. E’ un valore aggiunto in termini di qualità, e dimostra la nostra maggiore sensibilità sul prodotto, significa che per noi fare pasta non vuol dire soltanto il mero commercio della stessa ma siamo attenti anche ad altre dinamiche. Quando parlo del nostro progetto piace molto l’idea della filiera a kilometro zero, ma vedo aumentare l’interesse ancor di più quando affronto il tema del percorso formativo che verrà fatto al nostro interno. Tutti elementi diversi ma che fanno comprendere il nostro obiettivo: la ricerca costante della qualità.
 

Ottavio di Canossa  Pasta Storci   Omnidryer